My life in Vienna

Tre giorni a Vienna: Cosa fare.

Capita che mi venga chiesto quanto tempo occora per poter vedere al meglio Vienna e credo sia anche la domanda che chiunque si faccia quando pianifica un viaggio che abbia come destinazione l’Austria o qualsiasi altra parte del mondo.

La mia risposta a questa domanda e’ sempre : Dipende !

Perche’ si, dipende da cosa cercate in Vienna, cosa vi piace fare quando siete in viaggio, se siete piu’ tipi da vacanza relax o tipi da sveglia all’alba per poter sfruttare le giornate al meglio… Per cui si, dipende (:

Nonostante cio’, comunque, voglio contribuire dando una piccola linea guida di cio’ che in tre giorni riuscireste di certo a fare e che, oltre a riempirvi la memoria di foto fantastiche, vi fara’ tornare a casa con la voglia di prenotare di nuovo un volo direzione Vienna (:

Partiamo quindi con un primo giorno all’insegna delle lunghe passeggiate, quindi procuratevi delle buone scarpe e via che si parte…

Primo giorno 

Prima tappa : la cattedrale di Santo Stefano ed il centro storico

Il centro storico di Vienna e’ uno dei centri storici piu’ belli e curati che abbia mai visto nella mia vita, inoltre e’ tutto molto compatto e visitarlo e’ molto semplice.
Esso si trova all’interno di un cerchio, il quale gira intorno al centro storico.
Il ‘cerchio’ in questione e’ la Ringstrasse, tra le strade piu’ antiche di tutta Vienna . Do un po’ di info in piu’ riguardo alla Ringstrasse proprio nel post delle 10 cose da fare a Vienna.

Partiamo da Stephansplatz dove passa sia la linea U1 rossa che la linea U3 arancione. Visitiamo la bellissima cattedrale di Santo Stefano per poi proseguire verso destra dove ci troveremo in una strada che si chiama Graben, la strada delle grandi marche la quale in passato e’ stata una delle strade principali dell’antico impero e che e’ anche conosciuta come la strada della peste per via della grande colonna di marmo bianco a simboleggiare la peste che colpi’ Vienna nel 1679.

Subito dopo ci ritroveremo davanti alla bellissima cupola della scuola di equitazione piú rinomata di tutto il mondo, ovvero le cavallerie spagnole di Vienna. Le quali, per i piú interessati, é possibile visitare le scuderie e ammirare lo spettacolo dei cavalli Lipiziani. Continuando poi ci si trova direttamente all’Hofburg, la residenza invernale dell’impero Asburgo e dove oltre la grande porta si trova la Ringstrasse con i suoi bellissimi edifici e la piazza di Maria Teresa D’Austria con i musei di arte antica e storia naturale.

Pranzo nella Gasthaus Bastei – Beisl.

Nel caso abbiate seguito il percorso da me suggerito vi troverete ad essere vicino questa buonissima Gasthaus e ad avere un languorino allo stomaco quindi. Perché non fermarsi per una bella pausa?!

Il sito del ristorante per maggiori info : Gasthaus Bastei – Beisl

Ma non esagerate troppo con il cibo che dopo si va a Naschmarkt!!!

Questa prima parte di percorso e’ possibile farla sia con i mezzi che a piedi. Ovviamente il mio consiglio e’, dove possibile, e ovviamente se non si e’ troppo stanchi o se il tempo e’ buono, di non prendere i mezzi pubblici affinche’ si possa godere al meglio la bellezza di questa citta’.

Questo sarebbe l’itinerario a piedi .

Terza tappa : Il mercato di Naschmarkt e la chiesa di San Carlo

Naschmarkt é uno dei mercati piú antichi della zona dove, oltre a trovare frutta e spezie da ogni parte del mondo, troverete anche dei buonissimi ristoranti dove provare tante specialità non solo austriache.

Uno dei miei preferiti é un ristorante israeliano: NENI am Naschmarkt.

Partendo dalla stazione della linea verde U4Pilgramgasse e percorrendo tutto il mercato alla fine vi trovere di fronte al bellissimo Palazzo simbolo della Secessione Viennese all’interno del quale si trovano degli affreschi di Klimt.

Continuando poi nella stessa direzione, attraversando semplicemente la strada ecco che ci troviamo di fronte la chiesa di San Carlo. Enorme e di una bellezza mozzafiato.

Quarta tappa : Il Prater

Si sarà fatto ormai pomeriggio inoltrato, il momento perfetto per andare proprio al Prater e vedere la famosa ruota panoramica piú antica di tutta europa all’interno del luna Park del Prater.

Consiglio la visita del luna Park nel tardo pomeriggio / sera perché é proprio quando le attrazioni danno il meglio di se con luci e show inoltre, nel caso in cui stiate cercato un posto particolare e tipico dove mangiare qualcosa per cena qui troverete lo Schweizerhaus ed i suoi buonissimi stinchi di maiale.

Secondo giorno

Prima tappa: Hundertwasser Haus e Stadtpark

Oggi si inizia la giornata all’insegna dell’architettura con la visita dell’edificio decorato dall’architetto austriaco Hundertwasser, L’Hundertwasser Village ed il museo. Tre posti che vi riempiranno la memoria di foto. Ho scritto anche un articolo piu’ approfondito su questo magnifico edificio e lo trovate proprio qui.

La statua di Johann Strauss a Stadtpark

Mentre Stadtpark puó essere un bel luogo dove riposarsi un attimo e magari mangiare qualcosa al volo in una panchina sotto gli alberi di ciliegio.

É uno dei parchi piú antichi della città ed anche il parco delgli artisti dove é posisbile molte statue in memoria ad artisti e musici austriaci tra cui Haydn.

Seconda tappa : torta in un Cafe d’epoca

Non si puó andare via da Vienna senza aver assaggiato prima la famosa Sacher e le altre gustosissime torte austriache. Inoltre i café d’epoca hanno tutti un non so che di magico.

Questi sono solo alcuni dei mie preferiti:

Café Central, Cafe’ Demel, Schwarzen Kameel.

Il Cafe’ Central e’ tra l’altro un importante e storico Cafe’ dove i piu’ importanti personaggi storici di una volta si incontravano. Ne ho scritto un post piu’ approfondito proprio qui.

Terza tappa: il quartiere di Sigmund Freud

Questa terza tappa é un po’ a scelta. Per gli appassionati d’arte o semplicemente i piú curiosi di vedere il famoso bacio di Klimt, il Palazzo Belvedere é la vostra terza tappa. Nel caso in cui scegliate comunque di non entrare nel museo, la visita esterna del palazzo e dei suoi giardini é gratuita e ne vale di certo la pena.

Mentre per gli amanti della psicologia il quartiere di Sigmund Freud é la vostra tappa ideale. Il centro del quartiere é la bellissima chiesa di Schottenring che vi consiglio assolutamente di visitare anche all’interno, inoltre potrete vedere la casa ed il museo dedicati allo psicologo viennese e magari mangiare qualcosina al café frequentato proprio da lui : il Café Landtmann.

Terzo giorno

Schönbrunn

La tappa del terzo giorno sarà solo una perché é una tappa la quale merita una visita completa e che vi prenderà molto del vostro tempo

Stiamo parlando della residenza imperiale degli Asburgo e della famosissima Sisi. Qui potrete passare una bella giornata anche con i bambini all’interno dello zoo, oppure visitare le sale imperiali, vedere Vienna dall’alto dalla Gloriette o prendere lezioni di cucina per poter preparare il perfetto Strudel di mele.

Per chi ne volesse sapere di piu’, ho scritto un articolo piu’ approfondito e lo trovate qui.

Mi auguro che anche questo post possa esservi stato utile e ci vediamo alla prossima.

Alice (:

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: