My life in Vienna

Il Krampus

Ieri notte una strega ben altro che bella ha volato sui tetti delle case italiane, lasciando dolcetti o carbone a tutti i bimbi che aspettano impazienti di svegliarsi per poter guardare dentro la calza ai piedi dei loro letti.

In Austria la storia è un po’ diversa.
Qui non c’è nessuna befana ed il sei gennaio viene festeggiato solo dal punto di vista religioso ma, esiste comunque una figura, anch’essa ben altro che bella, che fa visita ai bambini la notte del 5 dicembre per punirli o lodarli del loro comportamento.
Questa figura è il Krampus, un demone dall’aspetto rivoltante e spaventoso che porta con se un grande cesto di vimini dove getta i bambini cattivi. Insieme a lui c’è sempre San Nicola che invece, si occupa di dare dolcetti a quelli piu’ buoni.

La Leggenda

La leggenda del Krampus racconta che nei periodi di carestia, i giovani dei paesini di montagna si travestivano usando pellicce formate da parti di animali.
Che fossero piume, pelli o semplici corna non importava, l’importante era essere irriconoscibili per poter terrorizzare gli abitanti dei villaggi derubandoli delle scorte per l’inverno.

Ma dopo un po’ si accorsero che tra loro vi era un impostore:  il diavolo in persona !
Egli, approfittando del suo reale volto diabolico si era inserito nel gruppo ma venne riconosciuto dalle sue zampe a forma di zoccolo di capra e venne quindi chiamato il vescovo Nicola per esorcizzarlo.
Gli anni a seguire, i giovani travestiti da demoni,insieme al vescovo, sfilavano lungo le strade dei paesi, non più a rubare ma a portare doni o a punire i bambini cattivi.

La tradizione

Questa tradizione è dunque rimasta fin d’allora ed il cinque di dicembre, per la notte del Krampus, essi sfilano per i paesi seminando terrore, cercando di catturare i bambini che sono stati cattivi, e frustando la gente nella parte delle gambe.
La tradizione vuole che i Krampus arrivino in paese suonando delle campanelle ed iniziando a correre verso la gente.
Ogni paese ed ogni città ha poi diversi modi di festeggiarlo o di eseguire questa famosa corsa dei Krampus, ma piu’ o meno il senso è rincorrersi, fare rumore e farsi male.

Il Krampus a Vienna

Quando venni a vivere in Austria non sapevo cosa fosse il Krampus ed una sera di gennaio in macchina di ritorno dal lavoro vidi tre uomini alti e grossi indossare queste maschere spaventose e aggirarsi per le strade come niente fosse spaventando chiunque.
Inutile dire che corsi immediatamente a chiudermi in casa.

A Vienna, per fortuna, la notte del Krampus non li si trova in giro come nulla fosse bensì viene organizzano dentro il parco del Prater.
Durante la sfilata, i Krampus si esibiscono dentro un recinto e subito dopo, come da tradizione, arriva San Nicola a placare l’ira dei Krampus e a portare doni a tutti i bambini buoni.

Qui il video di una delle sfilate dei Krampus a Vienna

San Nicola

San Nicola, a differenza della nostra amata befana non porta poi così tanti dolci, bensi’ i doni tipici di San Nicola sono mandarini, noci e qualche cioccolattino.
In Passato i bambini dovevano pulire i propri stivali da neve nella notte del cinque Dicembre.
Questo affinche’ San Nicola li potesse trovare puliti per poter mettere i doni al suo interno.
Adesso però anche qui è arrivata l’usanza della calza, per cui la mattina del sei i genitori portano la calza ai propri figli in dono da San Nicola.

Alla prossima bizzarra leggenda austriaca,

Alice (:

Un commento

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: